Home page
English | 
 

| Cerca     
 

 
Responsabilità sociale    Ambiente

A  A  A  |    Vota   |       |  Feed rss UBIbanca  |  

 
Pagina aggiornata al 11/09/2018 14:49:39

         
 

 

TOOLBOX

CalendarioContatti
ComunicatiBilanci
PresentazioniArchivio
RSSAlert

 

Ambiente

 

In coerenza con i principi del Global Compact in materia, adottiamo un approccio preventivo e proattivo alle problematiche ambientali, secondo le linee guida stabilite nella politica adottata nel 2008, come parte della nostra responsabilità sociale nei confronti delle collettività e dei territori in cui operiamo.


 

Cerchiamo di ridurre progressivamente gli effetti della nostra attività sull’ambiente naturale attraverso l’utilizzo razionale delle risorse e l’eliminazione degli sprechi, l’uso di energia prodotta da fonti  rinnovabili e/o a basso o nullo tenore di emissioni, la riduzione della quantità di rifiuti prodotti e la verifica del loro corretto  trattamento, l’utilizzo di prodotti e servizi a minor impatto ambientale.



Consideriamo anche i risultati che possiamo ottenere con la diffusione di una maggiore sensibilità ambientale nel personale e in tutti coloro con i quali intratteniamo rapporti d’affari, soprattutto attraverso l’offerta di prodotti finanziari dedicati e la considerazione dei rischi ambientali nelle operazioni di finanziamento, in particolare di quelle effettuate con la tecnica del project finance.


Energia ed emissioni

L’ottimizzazione dell’approvvigionamento e dei consumi di energia è una priorità ed è presidiata dall’Energy Manager del Gruppo, che ha il compito di gestire i contratti di fornitura di energia (elettricità, metano, gasolio, ecc.) e di promuovere interventi per l’uso razionale e ottimale delle fonti.


Materiali di consumo

Le principali materie prime utilizzate sono la carta e il toner per le stampe ad uso interno e per quelle alla clientela. Continua l’impegno del Gruppo per ridurne i consumi, con benefici per la banca (minori costi), per il cliente (semplificazione delle operazioni) e per l’ambiente (minor consumo di carta e minori spostamenti fisici).

 


Mobilità sostenibile

La presenza del Gruppo sul territorio è caratterizzata da alcuni grandi poli su cui si concentrano le problematiche e le iniziative per la mobilità sostenibile. Abbiamo:

  • adottato una politica per i viaggi, che incentiva l’utilizzo di mezzi  pubblici e/o collettivi per le missioni di lavoro;

  • attivato bus navetta tra Bergamo, Varese, Brescia e Milano (per quest’ultima città, anche nel ciclo urbano);
  • consolidato l’utilizzo della videoconferenza per limitare quanto possibile i trasferimenti fisici;

  • proseguito il progetto di smart working, avviato nel 2015; esso consente al dipendente di svolgere l’attività lavorativa presso il proprio domicilio o presso una delle sedi del Gruppo più vicina all’abitazione, favorendo non solo la conciliazione della dimensione privata e professionale, ma contribuendo anche alla riduzione degli spostamenti casa-lavoro.


Cambiamenti climatici

Il tema della lotta e dell’adattamento ai cambiamenti climatici comporta investimenti da parte dei privati e delle imprese, sia per l’adeguamento all’evoluzione della regolamentazione e degli standard di efficienza dei processi produttivi e dei prodotti sia per lo sviluppo e l’utilizzo di energie rinnovabili. Il Gruppo ha sviluppato prodotti di finanziamento, di leasing e di project finance dedicati.

 

Il Gruppo, in funzione dell’attività svolta, non ha un’esposizione diretta significativa ai rischi connessi ai cambiamenti climatici. Impatti di minore entità possono verificarsi in relazione ai processi di approvvigionamento, in particolare in relazione ai costi dei carburanti e dell’energia elettrica, e dei processi commerciali e del credito, in relazione al verificarsi di eventi atmosferici estremi in grado di incidere sulla capacità operativa e le prospettive di solvibilità delle imprese clienti (rischio peraltro mitigato dalla elevata diversificazione settoriale degli impieghi).

 

UBI Banca partecipa alla rilevazione delle informazioni sul cambiamento climatico del Carbon Discosure Project (CDP).